Dio aiuta la famiglia


Salmo 127

La Parola di Dio, nella sua grande attualità, mostra come siano inutili tanti sforzi compiuti con buoni sentimenti ma senza ricercare la guida e l’intervento del Signore. Dal Salmo 27 impariamo a non affaticarci invano nei confronti della nostra “casa”, cioè della famiglia.

1. Dio aiuta a EDIFICARE la famiglia

La Parola di Dio ci dà dei principi basilari su cui edificare la “casa” sia in senso stretto che come famiglia dei credenti. Il Signore Gesù ha promesso: “Io edificherò la mia chiesa” e se noi vogliamo edificare la nostra famiglia dobbiamo seguire le sue istruzioni della Bibbia. Essa comanda prima di tutto di ricercare ciò che edifica (1Cor.8:1; 10:23; 1Tess.5:11), ma come possiamo praticamente edificare la famiglia e la chiesa? Con tutta una serie di atteggiamenti che dobbiamo avere “gli uni gli altri”  o “ reciprocamente”, cioè:

  • MOSTRARE AMORE (Rom.12:10; 13:8)
  • NON GIUDICARE (Rom. 14:13; 15:7)
  • ACCOGLIERCI (Romani 15:7)
  • ASPETTARSI (1Cor.11:33)
  • PORTARE I PESI (Galati 6:2)
  • SOPPORTARSI (Efesini 4:2; Col.3:13)
  • ESSERE BENEVOLI (Efesini 4:32)
  • SOTTOMETTERSI (Efesini 5:21)
  • INCORAGGIARSI (1Tess.4:18)
  • CONSOLARSI (1Tess.5:11)
  • FARE ATTENZIONE (Ebrei 10:24)
  • CONFESSARE I PECCATI E PREGARE (Gc.5:16)

2. Dio aiuta a PROTEGGERE la famiglia

La seconda parte del primo verso parla di protezione. Per alcuni questo è un soggetto che produce ansia e frustrazione e persino certi cristiani diventano iperprotettivi a causa del timore di ciò che potrebbe accadere ai propri cari. Come si può proteggere la famiglia secondo la Parola di Dio?

  1. PRIMA DI TUTTO PREGANDO IL SIGNORE (Num.6:24; Salmo 91:9-14; 121; Isaia 31:5; 1Giov.5:18)
  2. PROTEGGENDO SE’ STESSI CON LA PAROLA DI DIO (Salmo 119:9; Prov.16:20; Ger.6:10; 2Piet. 1:19)
  3. PROTEGGENDO IL CONIUGE CON L’AMORE E LA CURA (Efesini 5:28,29; 1Pietro 3:7)
  4. PROTEGGENDO I FIGLI CON LA DISCIPLINA

La Parola di Dio ricorda ai genitori il dovere di disciplinare i propri figli (1Sam.3:13; 1Re 5:6; Ebrei 12:11,12). La radice del verbo “disciplinare” è “fare discepoli, istruire, educare, ispirare dei seguaci”. La disciplina comprende la formazione del carattere, attraverso la stimolazione di certi comportamenti e la correzione di altri. Il suo scopo è quello di introdurre un certo “controllo” nella vita del ragazzo. Per disciplinare, dunque, i genitori devono mostrare sé stessi come esempi di autodisciplina e coerenza nella vita cristiana.

Alcune forme disciplinari oltre l’esempio: stabilire regole chiare e ragionevoli – approvare verbalmente e ricompensare praticamente un comportamento esemplare – disapprovare sospendendo premi o concessioni – intervenire in maniera decisa per reprimere comportamenti pericolosi e prevenire ulteriori deviazioni.

Il concetto di “verga” deve essere ben compreso (Prov. 13:24; 22:15; 29:15). Essa, prima di tutto indica l’autorità paterna (Efesini 6:1-4; Col. 3:20,21); poi la verifica (la bacchetta usata dai pastori per contare le pecore) nel senso che il genitore deve vegliare sul proprio figlio. Infine la verga veniva usata come arma di difesa dal pastore per proteggere il gregge dagli attacchi degli animali feroci (Salmo 23:4).

3. Dio aiuta a PROVVEDERE per la famiglia

Un altro motivo di preoccupazione in famiglia è quello che riguarda l’aspetto economico. Mantenere una famiglia costa molto e il Signore, di solito, non manda i soldi dal cielo! Come dobbiamo fare? Premesso che la Bibbia condanna la pigrizia e insegna a prendersi cura dei propri cari lavorando onestamente (Atti 20:35; 1Cor.4:12; 1Tess.2:9; 2Tess.3:11,12; Tito 3:14), il verso 2 del Salmo 127 descrive due diversi padri di famiglia: uno che si fa in quattro e non riesce a dormire, senza ottenere quello che vorrebbe, l’altro che, invece, la notte può dormire serenamente. Forse la differenza fondamentale tra questi due personaggi è che uno ha imparato la differenza tra il necessario e il superfluo (Eccl.5:10-12; 1Timoteo 6:7,8; Ebrei 13:5). Abbiamo mai pensato di dare ai nostri figli il necessario anziché ciò che vogliono o che hanno gli altri?

4. Dio aiuta ad ALLEVARE la famiglia

I versi 3-5 descrivono il valore dei figli, considerati un’eredità, cioè una benedizione e non un impedimento. Tale eredità dev’essere, però, apprezzata e amministrata con saggezza. Essi sono come delle frecce che possono andare lontano e sconfiggere il nemico (Isaia 49:2; Zaccaria 9:14). L’analogia delle frecce insegna che il momento migliore per dare delle direttive importanti ai figli è quando sono ancora nelle nostre mani, cioè quando sono piccoli (2Re 13:17; Proverbi 4:1-4; 22:6; 23:19; 27:11). Che tutti noi genitori possiamo essere beati!

condividi

Articoli Correlati